lunedì 15 luglio 2019

Menù del w.e. 20 - 21 luglio 2019 - Agriturismo in Oltrepò pavese

Cari Amici del Casale
vi aspettiamo per i pranzi e le cene del w.e. nel dehor della Cà,
sotto al pergolato ombreggiato del glicine:


Salame, bondiola e prosciutto cotto
Tris di verdure dell'orto sott'olio e in agrodolce
Sorpresa al centro del tagliere

Torta di tagliatelle fatte in casa con ragù e besciamella
Risotto carnaroli con fiori di zucca e zucchine trifolate

Lonza arrosto con crema tonnata
Insalatina novella

Dolci della Cà

Acqua, una bottiglia di vino ogni due persone e caffè della moka inclusi
Aperitivi e liquori exta
35 euro a persona
I bambini con un antipasto, un primo o un secondo e un dolce 20 euro, se mangiano tutto come gli adulti.
Possibilità di menù vegetariani, vegani o per intolleranze: al momento della prenotazione avvertite eventuali esigenze.



mercoledì 5 settembre 2018

La vera focaccia Barese - Made with love



Cari Amici del Casale,
qualcuno di voi saprà che una parte della nostra famiglia ha proprio origini Pugliesi e da orgogliosi d'esserlo quali siamo, oggi vi proponiamo la nostra personalissima ricetta per una focaccia gustosa ed eccezionale!

Ingredienti per due teglie diametro 24

350 gr di farina 0 meglio se macinata a pietra
250 gr di semola rimacinata
20 gr di sale
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva nell'impasto +
100 ml sempre di olio per la teglia
3/5 gr di lievito a seconda di quanto tempo avete a disposizione per farla lievitare - più tempo meno lievito
340 ml di acqua
150 gr di patata lessa
50/60 pomodorini ciliegini e se vi piacciono anche le olive
Una spolverata di origano bio

Procedimento

Setacciate le farine e impastate con i due cucchiai di olio, il lievito sciolto nell'acqua tiepida e il restante dell'acqua più la patata lessa schiacciata. Amalgamate il tutto (meglio con un'impastatrice) aggiungendo il sale.
Una volta che si è formato un impasto molto morbido, trasferitelo dividendolo a metà nelle due teglie. Sotto ciascuna teglia vanno depositati 25ml di olio. 
Lasciate lievitare con un panno umido o della pellicola per mezz'ora/ quarantacinque minuti in modo che inizi la prima lievitazione.
Passato questo tempo sistemate l'impasto in modo tale che ricopra la teglia, aggiungete 25/30 pomodorini - per teglia - tagliati a metà con il taglio rivolto verso la focaccia, l'altra parte di olio rimanente - 25ml per teglia - e una bella spolverata di origano.

Lasciate lievitare per 1h e 30 minuti /2 h.
Preriscaldate il forno a 250 gradi e infornate per 25 minuti a 200 gradi.

Aspettiamo di sapere che ne pensate dopo averla provata ;)


venerdì 13 aprile 2018

"FarinataFrittata" rivisitata con Erbetta di San Pietro


Buonassserra aMici del Casale,

come vi avevo anticipato sui social eccovi una nuova ricettina con protagonista la splendida e profumatissima ERBA SI SAN PIETRO.

Per chi si fosse perso il video sulla nostra pagina facebook {link diretto cliccando qui}
vi racconto qualche curiosità:


  • Erbacea, perenne, (quasi infestante) tappezzante, profumata e buona ;)
  • Chiamata TANACETUM BALSAMITA il cui significato sta per fiore d'oro che profuma di balsamo, appunto sbocciano il 29 giugno che è il giorno di San Pietro.
  • Nasce in zone temperate, vive bene esposta al sole, ha foglie larghe, lunghe e ha un aroma molto simile alla menta e al limone
  • Curiosità: gli ecclesiastici tenevano le foglie tra le pagine della Bibbia e i birrai la usavano per aromatizzare i loro prodotti , noi la lasciamo anche in infusione per creare dei digestivi eccezionali - usata anche contro malanni di stagione negli infusi tipo tisane
  • Conosciuta nel mantovano come ripieno nei ravioli di magro (leggermente amarognola), per profumare minestre o per insaporire....:

La falsa Farinata o Frittata di San Pietro


Perchè falsa farinata? Beh quando la proverete ve ne renderete conto anche voi, ricorda molto la consistenza e il sapore di quella bontà ligure ma ma ma.. non lo è!
{Si prepara in cinque minuti}

INGREDIENTI per 4 persone

4 uova (noi ne abbiamo usate 2 di gallina e 2 di anatra)
4 cucchiaini di farina 00
12 cucchiai di latte
4 cucchiai di parmigiano grattugiato
4 cucchiai di pan grattato 
10 foglie tagliate a julienne di erba di San Pietro
Sale e pepe q.b.

PROCEDIMENTO

Amalgamate tutti gli ingredienti, dividete il composto in quattro e, oliata la padella,
cuorete 1/4 per volta {creando una specie di pancake}
Lasciate raffreddare qualche minuto e via!

E.c.c.e.z.i.o.n.a.l.e. come aperitivo, antipasto magari accompagnata ad una leggera crema di aglio.
Che dici, vi incuriosisce? Avete mai assaggiato questa erbetta?

A presto e un caro saluto da

giovedì 8 marzo 2018

Orecchiette 'homemade' con sughetto casereccio


Caro/a Amico/Amica del Casale,

mi sono dilettata nell'impresa delle buonissime orecchiette pugliesi
Dirti che è stato semplice, proprio no!
Un pò perchè scarseggia in me la manualità di fare la pasta fatta in casa, un pò perchè documentandomi mi sono proprio resa conto che è una delle paste più difficoltose da realizzare.
Ma io ho la testa dura e mi sono messa in opera!

In più ho avuto la fortuna di abbinarle con un sughetto appena preparato dalla mamma Caterina,
e non uno qualunque: quello con gli involtini di vitello.
Una gioia per il cuore e per il palato!


Il sugo di pomodoro poteva anche essere fatto con un semplice soffrittino di cipolla ma Caterina ha pensato bene di aggiungerci questi favolosi involtini cosi da avere un piatto unico (primo e secondo in un solo piatto!).

Cosa occorre per prepare le orecchiette: 

500gr di farina di semola di grano duro
acqua tiepida circa a 40C°q.b. (circa 200ml di acqua su 500gr)
Preziosissimo -> OLIO DI GOMITO ;)


Come prepararle?

Impastate con cura farina e acqua e fino ad ottenere un impasto omogeneo.
Fatelo riposare per una mezz'ora coperto con un canovaccio di cotone.
Sopra ad un'asse di legno meglio non liscia , tagliate un pezzo di impasto, lo arrotolate fino a farne un cordoncino più piccolo del vostro indice, tagliatelo a pezzetti larghi 1 cm e aiutandovi con un coltello a lama liscia strisciate il pezzetto fino a farlo arrotolare su se stesso.
Una volta arrotolato giratelo sotto sopra sul vostro indice e via così..

Sembra facile? Non lo è! :) ma provateci, la soddisfazione di mangiarle poi è immensa!

Nota bene: prima di consumarle vi consiglio di lasciarle asciugare all'aria (fino a seccarsi) tutta la notte.


Che bel risultato è? :)
Buon appetito!